Die Nährstoffaufnahme der Pflanze und was ist zu beachten | Botanicly

L'assorbimento dei nutrienti della pianta e cosa bisogna considerare | Botanicamente

Cominciamo. La tua pianta ha bisogno di anidride carbonica per respirare, ha bisogno di luce per svolgere la fotosintesi e quindi regolare il suo bilancio energetico, ma a cos'altro dovresti prestare attenzione?... Esattamente!

Le piante, come gli esseri umani, dipendono dai nutrienti per sopravvivere. In questo articolo del blog ti avviciniamo all'argomento dei nutrienti delle piante, come vengono assorbiti e cosa fanno.

Le persone mangiano più porzioni di cibo ogni giorno per gestire il proprio bilancio di sostanza ed energia. Ciascuno di questi pasti contiene un'ampia varietà di nutrienti come proteine, carboidrati, grassi, vitamine, fibre, ecc. La pianta ha anche bisogno di nutrienti sufficienti. Tuttavia, la pianta è per lo più sedentaria. Quindi dipende dall'uso dei nutrienti nel suo ambiente circostante.

La tua pianta, proprio come te, ha bisogno di nutrienti in varie concentrazioni per condurre una vita vitale. Si distingue tra macronutrienti (elementi principali) e micronutrienti (oligoelementi). La differenza sta nella quantità di sostanze assorbite. Probabilmente il tuo raccolto ha bisogno di azoto di più, seguito da fosforo, potassio, magnesio, zolfo e calcio. Naturalmente non devono mancare anidride carbonica, ossigeno e idrogeno, ma questi devono essere disponibili in quantità sufficiente.

D'altra parte, ci sono i nutrienti meno richiesti, gli oligoelementi. Questo include ferro, rame, boro, zinco, molibdeno, silicio e manganese. Tutti questi nutrienti svolgono un'ampia varietà di compiti, proprio come fanno nel tuo corpo. A partire dagli elementi costitutivi delle cellule, passando per i punti di ancoraggio per gli enzimi ai fornitori di energia, questi elementi coprono tutte le attività della vita umana e vegetale.

Le piante assorbono i nutrienti non solo attraverso le radici, ma anche attraverso gli stomi nella foglia. Per portare questi nutrienti al posto desiderato, la pianta ha una rete di vasi, proprio come noi umani, che distribuisce queste sostanze nel corpo della pianta. Ciò che chiamiamo flusso sanguigno è chiamato floema e xilema nelle piante. Il floema è responsabile della distribuzione dei nutrienti e lo xilema del trasporto dell'acqua.

Suggerimento: L'apporto di nutrienti della pianta è ovviamente correlato all'approvvigionamento idrico. Qui puoi leggere come annaffiare correttamente le piante d'appartamento.

agriculture-citrus-close-up-129574-1024x683-1

Organi pozzo e fonte: dare e avere

Gli organi di origine sono le centrali elettriche nel tessuto vegetale. Sono foglie più vecchie che, a causa della loro ampia superficie, producono più carboidrati vitali di quelli di cui hanno effettivamente bisogno. Attraverso il floema, questi raggiungono poi i luoghi dove sono necessari, come fiori, frutti e giovani foglie. Questi luoghi, dove i carboidrati trasportati vengono poi metabolizzati, sono chiamati organi di affondamento.

Nutrienti mobili e immobili

Oltre ai macro e micro elementi, si distingue anche tra nutrienti mobili e immobili. I nutrienti mobili sono azoto sotto forma di nitrato, fosforo come fosfato, potassio, magnesio, cloro, zinco e molibdeno. I nutrienti immobili sono calcio, zolfo, ferro, boro e rame.

Se si verifica un ingiallimento sulle foglie più vecchie, potresti scommettere sulla mancanza di nutrienti mobili, poiché questi vengono trasportati alle punte dei germogli delle foglie giovani.

agriculture-citrus-close-up-129574-1024x683-1

Dipendenza dal valore Ph e blocco reciproco dei nutrienti

Il valore del pH fornisce informazioni su quanto è alto il contenuto di acido o base. Si legge su una scala da 0 a 14, dove 0-6,4 è acido, 6,5-7,5 è neutro e 7,6-14 è basico. (L'acqua pura ha un valore di pH di 7) Viene creata nel tuo vaso dalla composizione di piante e microrganismi, oltre a sostanze organiche (es. humus) e minerali. Diverse specie vegetali preferiscono diversi terreni acidi per crescere.

A diversi valori di pH, i nutrienti hanno diverse difficoltà di dissoluzione per la pianta. Pertanto, l'azoto viene assorbito meglio a 6,5-8, magnesio e calcio a 6-8 e il ferro a 4-5,5. Come puoi già vedere, azoto, magnesio e calcio possono essere combinati meravigliosamente, ma l'apporto di ferro cade per strada quando il valore del pH aumenta, poiché è più difficile o non più disponibile per la pianta. Ecco perché è importante che tu mantenga la tua pianta in un terreno in cui possa estrarre tutti i nutrienti importanti dal terreno il più facilmente possibile.

Un altro fenomeno che può favorire i sintomi di carenza è il blocco reciproco degli elementi nutritivi. Un eccesso di calcio inibisce l'apporto di ferro, magnesio e potassio. Durante la concimazione, dovresti assicurarti che tutti i nutrienti siano forniti in una concentrazione sufficiente.

Suggerimento: Un eccesso di nutrienti nel terreno può anche portare alla mancanza di alcuni elementi nutritivi. Puoi leggere come trattare correttamente l'eccessiva fecondazione nel link corrispondente.

agriculture-citrus-close-up-129574-1024x683-1

Clorosi e necrosi: l'una tira l'altra

La clorosi si riferisce all'ingiallimento delle foglie dovuto alla mancata formazione o scomposizione della clorofilla, essenziale per la sopravvivenza. Ciò porta alla caduta delle foglie e dei frutti colpiti e alla crescita stentata. Ci sono varie cause per questo problema. Da un lato può essere attribuito alla mancanza di azoto, zolfo, ferro, magnesio e boro, dall'altro potrebbe anche avere cause legate allo stress, come forti sbalzi di temperatura o un attacco di virus. La clorosi indebolisce la tua pianta e la rende più suscettibile alle infezioni fungine, batteriche e virali.

La necrosi è quindi lo stadio finale della clorosi e descrive la morte dell'area interessata.

agriculture-citrus-close-up-129574-1024x683-1

La legge del minimo

La legge del minimo stabilisce che la crescita della pianta è limitata dal fattore meno presente. Può essere luce o acqua da un lato, ma anche i nutrienti di cui una pianta ha bisogno dall'altro.

Tre elementi nutritivi

Ora ti presenteremo tre dei più importanti macronutrienti. Come vengono assorbiti e trasportati nella pianta? A cosa servono? E come si riconosce la mancanza di questa sostanza?

Bild krankes Weinblatt

azoto

L'azoto è uno degli elementi più importanti. È necessario nella fotosintesi come elemento costitutivo della clorofilla, per costruire ogni cellula e ogni filamento di DNA e per la crescita. La pianta ha bisogno di più azoto durante il suo periodo vegetativo, ma non può farne a meno nemmeno nella fase generativa.

L'azoto è solitamente disponibile per la pianta in varie forme nel suolo e nell'aria. Queste forme differiscono per la loro mobilità nella pianta e nel terreno l'una rispetto all'altra. La pianta preferisce i nitrati (NO3) ai nitriti (NO2) e all'ammonio (NH4) per la sua migliore solubilità. Quando l'azoto viene assorbito dalle foglie, avviene il contrario. Le foglie assorbono l'ammonio più velocemente del nitrato.

Una carenza di azoto si verifica, come già accennato, principalmente nelle foglie più vecchie a causa dell'ingiallimento.Le punte delle foglie virano al rosso-violaceo e le foglie giovani rimangono piccole, strette e di colore verde chiaro. Una carenza di azoto porta alla clorosi e nel peggiore dei casi alla necrosi.

Fosforo

Il fosforo, insieme all'azoto, è uno degli elementi più importanti che le piante assorbono dal suolo. Viene assorbito attraverso le radici sotto forma di fosfato e serve alla pianta come vettore energetico e aiuta nella fotosintesi e nella divisione cellulare, nonché immagini per enzimi, fiori, frutti e semi. I segni di carenza di fosforo includono crescita stentata, foglie rigide, deformate e rossastre, un apparato radicale in ritardo e fioritura ritardata o assente.

Potassio

Il potassio, o Kali in breve, è il terzo elemento più importante del gruppo. Viene utilizzato per la resistenza al gelo, per stabilizzare i tessuti vegetali, attivare gli enzimi vegetali, partecipare al metabolismo e regolare l'equilibrio idrico. È possibile riconoscere una carenza di potassio quando le foglie, nonostante una buona riserva idrica, iniziano a flosciarsi e ad asciugarsi dal bordo.

Suggerimento: il fertilizzante NPK sta per i tre macronutrienti azoto-fosforo-potassio.

Ci auguriamo che questa piccola digressione sia stata in grado di avvicinarti ai problemi legati alle piante con l'assorbimento dei nutrienti. Di cosa si trattava?

  • Caratterizzazione dei nutrienti in macro e micronutrienti, nonché in mobili e immobili
  • Cosa influenza l'assorbimento dei nutrienti nel suolo
  • Come la pianta distribuisce i nutrienti

Se vuoi saperne di più sulla concimazione delle piante, dai un'occhiata a Fertilizzare le tue piante d'appartamento: come farlo bene

.

Hinterlasse einen Kommentar

Bitte beachte, dass Kommentare vor der Veröffentlichung freigegeben werden müssen

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.